ISI a MADE expo con Area Focus Sismica
image

MADE expo 2023: sinergie di sistema, connessioni e visioni di futuro. 

Per la prima volta la manifestazione si è svolta all’interno di MIBA-Milan international Building Alliance, l’evento che ha registrato la presenza di più di 80.000 operatori da 111 Paesi. Grande soddisfazione per MADE expo, che si conferma fiera leader del settore 

Leggi il comunicato stampa
image

MADE expo 2023: sinergie di sistema, connessioni e visioni di futuro. 

Per la prima volta la manifestazione si è svolta all’interno di MIBA-Milan international Building Alliance, l’evento che ha registrato la presenza di più di 80.000 operatori da 111 Paesi. Grande soddisfazione per MADE expo, che si conferma fiera leader del settore 

Leggi il comunicato stampa

image
ISI - INGEGNERIA SISMICA ITALIANA PORTA A ME-MADE EXPO IL TEMA DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DEL PATRIMONIO EDILIZIO E INFRASTRUTTURALE DEL NOSTRO PAESE

Una partecipazione mutuata dalla ferma convinzione che la prevenzione, la progettazione e gli interventi di efficientamento strutturale rappresentino un tema in grado di accomunare tutti i comparti della filiera delle costruzioni. Argomento imprescindibile soprattutto in questo periodo storico, con temi trasversali come il nuovo codice dei contratti, le esigenze di messa in sicurezza di patrimonio edilizio e infrastrutture, le tecnologie di cui le aziende italiane sono importanti portavoce anche nel mondo, l’importanza della progettazione e pianificazione.

Durante le quattro giornate della manifestazione fieristica, nell’area gestita da ISI in collaborazione con ME-MADE expo, sono in programma interventi tecnici e incontri istituzionali che avranno come focus i temi della sicurezza delle strutture e infrastrutture, le nuove tecnologie, normative e prospettive per il nostro paese.

In uno studio condotto da ISI - Ingegneria Sismica Italiana si evidenzia come il 60% degli edifici siano stati costruiti ante 1971 con inadeguate normative sismiche se non addirittura in assenza di norme. Una percentuale simile è riferita alle infrastrutture esistenti.

Oggi, a fronte delle innovazioni nei materiali strutturali, delle tecnologie, della digitalizzazione, tale obiettivo può e deve essere riconsiderato.