image

MADE extra

Un pomeriggio di dialogo e confronto sul cambiamento e il futuro del mondo delle costruzioni e non solo: parleremo di pratiche di costruzione innovative e degli obiettivi della direttiva "green" dell'UE, di facciate e delle nuove tendenze progettuali.

Scopri il programma e partecipa! L'ingresso è gratuito

Scopri tutte le novità

image

MADE extra

Un pomeriggio di dialogo e confronto sul cambiamento e il futuro del mondo delle costruzioni e non solo: parleremo di pratiche di costruzione innovative e degli obiettivi della direttiva "green" dell'UE, di facciate e delle nuove tendenze progettuali.

Scopri il programma e partecipa! L'ingresso è gratuito

Scopri tutte le novità

A MADE expo si parla di futuro con ottimismo
image
Si è conclusa con segnali incoraggianti la nona edizione della più importante manifestazione in Italia per l’edilizia e l’architettura

Il dibattito, che si è sviluppato sulla necessità di sbloccare i cantieri e dare impulso all’edilizia per rilanciare l’economia, ha contribuito a mettere questi argomenti al centro dell’agenda delle politiche governative.

 

Milano, 18 Marzo, 2019 -  Il mondo delle costruzioni vuole rilanciare il settore dimostrando di essere pronto a un cambiamento nel segno dell’innovazione guidato da comfort, sicurezza, sostenibilità e tecnologia e volendo in questo modo contribuire a fornire un impulso all’economia nazionale.

Questi sono i segnali di fiducia e volontà di guardare al futuro con ottimismo emersi dalla nona edizione di MADE expo, confermati anche dai dati diffusi dall’Osservatorio ANCE sul mercato delle costruzioni 2018 che registrano un variazione positiva dell’1,5% del fatturato (128 miliardi di euro) sull’anno precedente.

La più importante manifestazione per l’edilizia e l’architettura si è conclusa a Milano sabato 16 marzo con la presenza di circa 900 espositori su 47.500 mq di superficie netta espositiva, ed ha registrato più di 90.000 presenze, di cui circa il 10% straniere.

La manifestazione è in corso di certificazione ISFCERT.

L’intenso dibattito che si è sviluppato nei giorni di fiera sulla necessità di sbloccare i cantieri per un rilancio dell’economia e dare una spinta al PIL ha contribuito a mettere l’argomento al centro dell’agenda politica.

Una manifestazione all’insegna della sostanza e della qualità, dal tema portante della “Qualità dell’abitare” all’alto livello di prodotti e soluzioni nell’edilizia, negli interni e finiture e nell’involucro e serramenti che sono stati portati all’attenzione di progettisti, imprese, contractor, distributori ed operatori specializzati quali i serramentisti.

Un luogo di incontro per tutti gli attori della filiera dove i materiali e le soluzioni sono state davvero “vissute” e toccate con mano, un volano di relazioni da consolidare nel breve e nel lungo termine.

Questo anche per i 180 progettisti, contractor e buyer provenienti da più di 20 Paesi che, grazie al supporto strategico di ICE, hanno potuto sviluppare più di 1.000 incontri b2b con le aziende italiane espositrici durante MADE expo.

La componente fieristica è stata integrata, come da format distintivo di MADE expo, da un intenso programma di formazione tecnica e culturale con oltre 250 tra eventi e convegni che hanno visto intervenire esperti di diverse discipline e 2 grandi nomi dell’architettura quali Mario Cucinella, Renzo Piano BW, Andreas Kipar, One Works, Snøhetta coinvolgendo più di 14.000 persone di cui 6.000 nel solo programma di convegni BuildSMART!