ITALIA TERRITORIO FRAGILE

Terremoti, frane e alluvioni: la ristrutturazione e la messa in sicurezza del Paese Italia

Mercoledì 13/03/2019 | Ore 16.00

Padiglione/i 10 G01 - G15 BSMART! Costruzioni

Organizzato da MADE expo e Agorà


CON LA PARTECIPAZIONE E GLI INTERVENTI DI:
(in ordine alfabetico)

  • Walter Baricchi
    Coordinatore del Dipartimento Cooperazione, Solidarietà e Protezione Civile CNAPPC
  • Edoardo Cosenza
    Dipartimento di Ingegneria Strutturale | Università degli Studi di Napoli Federico II
  • Piero Farabollini
    Commissario Straordinario Ricostruzione Sisma 2016
  • Vincenzo Giovine
    Vice Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi
  • Pietro Jarre
    Presidente GEAM | Politecnico di Torino
  • Andrea Minutolo
    Coordinatore dell'ufficio scientifico di Legambiente

CONDUCE:

  • Maria Chiara Voci
    Giornalista

ARCHITETTI, INGEGNERI, GEOLOGI, GEOMETRI: CFP in fase di accreditamento

L'Italia è un paese sempre più fragile, ciclicamente sottoposto a disastri naturali, dissesti provocati sia dai cambiamenti climatici ormai evidenti, sia dal pessimo stato di manutenzione del patrimonio infrastrutturale ed edilizio in genere. L’ambizione è tornare a progettare con criteri nuovi e tecnologie all’avanguardia e mettere in sicurezza non solo gli edifici, le infrastrutture territoriali, ma soprattutto le persone che ci vivono.

Sistema informativo, piano degli interventi, finanziamenti, procedure, formazione, tavoli tecnici. A che punto siamo? Chiediamocelo insieme e avviamo un grande dibattito partecipato e concreto, che coinvolga tutti gli stakeholder della filiera delle costruzioni, e che sia un decisivo momento di riflessione sulle tematiche della messa in sicurezza e della modernizzazione del sistema Paese, anche alla luce del Decreto relativo alla Circolare esplicativa delle Norme Tecniche per le Costruzioni (Ntc 2018) firmato dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli il 17 gennaio 2019 che punta a favorire gli interventi di miglioramento sismico degli edifici.

Quali sono gli approcci, le tecnologie, i materiali, le performance da mettere in campo per contribuire all’innovazione capace di rilanciare il Paese e la sua economia?

Un evento per riflettere insieme, per avviare la cultura del cambiamento, per dimostrare che innovare in edilizia non significa solo costruire edifici più belli, ma anche più efficienti, sicuri, durevoli, sostenibili, vivibili in un territorio tutelato.