MADE expo protagonista a Londra

Grande interesse per il talk dal titolo “Behavioral design: what architecture can do for people”, a cura dell’architetto Alessandro Pierandrei.


Si è svolto il 7 febbraio a Londra il Roadshow MADE expo 2017, al 27mo piano dello Shard, nell'area lounge degli uffici Campari UK.

Con l'occasione, l’architetto Pierandrei dello studio Pierandrei Associati, ha accolto una platea di designer, architetti e professionisti del settore, in una discussione sul Behavioral Design. L’incontro è stato aperto da Cesare Vandini, Managing Director del Gruppo Campari, che per l’occasione ha messo a disposizione gli uffici aziendali al 27° piano dello Shard, una venue esclusiva nel cuore della metropoli.

Ha preso poi la parola Fortunato Celi Zullo, Direttore dell’ICE di Londra, che ha ringraziato il Gruppo Campari per l'ospitalità e ha introdotto Giovanni Grassi, General Manager MADE Expo, che ha preso la parola.

Con una interessante overview sull'iniziativa, Giovanni Grassi ne ha illustrato i numeri, gli obiettivi, e il programma per quest'anno.

A concludere l'evento, Alessandro Pierandrei, che ha illustrato il risultato delle proprie ricerche decennali sul Behavioral Design. Dagli esordi nello studio di Renzo Piano, Pierandrei si è interrogato a fondo sul mestiere di architetto che, come spiega è basato sulla combinazione di materiali e idee in un processo che si può quasi definire alchemico. L’architetto ha concluso con l’invito a riflettere sulla responsabilità crescente che i designer giocheranno in futuro nel plasmare lo spazio. In uno scenario prevalentemente urbano, caratterizzato da risorse scarse e variabili imprevedibili, sarà fondamentale per i professionisti del Design la capacità di considerare l’impatto della tecnologia sulle relazioni fra le persone e lo spazio. In breve, la missione del Design sarà quella di trasformare queste sfide in opportunità.

 

Fra pubblico di architetti e designer sono state raccolte alcune impressioni sulle passate edizioni di MADE expo. Alessandro Zoppini dello studio Gensler (uno dei loro progetti è la Shangai Tower) ha sostenuto che MADE sarà un’occasione preziosa per informarsi sulle novità nei diversi settori (materiali, infissi, interior, tecnologie) in cui l’Italia rappresenta un’eccellenza a livello internazionale. Secondo Zoppini MADE è l’unico luogo in Italia che offre a queste eccellenze la visibilità che meritano.

Federico Fossati, di Deluxen Ltd, ribadisce l’importanza di questo evento per i professionisti del settore e aggiunge che sarebbe importante cercare di migliorare la presenza dei prodotti italiani di eccellenza all’estero, con la convinzione che rappresentino un’avanguardia a livello internazionale. L’architetto Fabrizio Cellini, che non aveva mai visitato MADE expo, ha manifestato il proprio entusiasmo: “Ora che la conosco, ci andrò di sicuro”.