Conferenza stampa MADE expo: l'edilizia lancia la sfida. Connessioni di sistema per il rilancio

Massimo Buccilli: "Acceleratore di idee che valorizza l’importanza della nostra filiera per l’economia nazionale".
Emanuele Orsini: "L’edilizia è il motore del Paese, il Governo faccia ripartire i cantieri sbloccando in tempi rapidi le risorse già stanziate"


Qualità dell’abitare, rigenerazione urbana e delle infrastrutturale per il vivere contemporaneo declinato in comfort, sicurezza, sostenibilità, innovazione delle costruzioni: sono questi i contenuti di MADE expo edizione 2019, la più importante 16 marzo. manifestazione in Italia per il mondo dell’edilizia e dell’architettura.

 

Con un obbiettivo di fondo: rafforzare le connessioni del sistema per rilanciare l’edilizia e promuovere un “fronte comune” industriale sia verso i mercati sia nei confronti delle istituzioni in grado rimettere in movimento un settore strategico per l’economia nazionale.

 

Evoluzione, dal punto qualitativo, sottolineata con soddisfazione da Massimo Buccilli, presidente di Made expo: “In questa edizione abbiamo una vasta rappresentanza della filiera delle Costruzioni del nostro Paese e la piena rappresentanza di tutti i materiali, rafforzata dalla presenza della filiera del cemento e del calcestruzzo con le aziende leader. Siamo così in grado di svolgere ruolo di acceleratore di idee e di volano di relazioni che ci consenta di valorizzare l’importanza della nostra filiera per l’economia nazionale“.

 

Parole che spiegano la scelta del tema della presentazione, “Costruire connessioni.

 

La qualità dell’abitare tra progettazione, realizzazione e mercati” con cui si sottolinea l’intenzione di MADE expo di rafforzare i legami tra le aziende, le associazioni di settore, le professioni, le Università e il territorio per contribuire al rilancio dell’edilizia in un momento complesso, con grande attenzione alla promozione internazionale del made in Italy in collaborazione con Agenzia Ice.

 

“MADE expo si propone sempre più come luogo di business e come osservatorio privilegiato sul panorama dell’architettura e dell’edilizia - aggiunge Emanuele Orsini, presidente di FederlegnoArredo -. È un hub pensato per tutte le aziende, dove si può scoprire il meglio intercettando l’accelerazione verso i mercati mondiali. Il comparto delle costruzioni sta vivendo una fase preoccupante e la manifestazione può essere la piattaforma di rilancio di un settore che ha bisogno di energie e ha necessità di uno shock per recuperare le posizioni perse. L’edilizia è il motore del Paese e MADE expo serveda stimolo per spronare il Governo a far ripartire i cantieri sbloccando in tempi rapidi le risorse già stanziate”.